Sunday, September 15, 2019
  • Italian (IT)
  • English (UK)
  • German (DE)
  • Spanish (ES)
  • French (FR)
   
Text Size
ROKSTORIES ERROR: File not found: _old/images/slide/fotocopertinacd.jpg
image image image image
Information of the museum Opening Hours from 10 to 13 from 14 to 17 The museum is open daily from 15 June to 30 September. May, June, October: Saturday and Sunday (closed during bad weather). opened from December 24 to January 7 from January 8 until February 15 on Saturdays and Sundays. Every day from 16 February to 10 March. Read the Full Story
Historical Timeline From 1521 with the Treaty of Worms; Ampezzo was assigned to Austria. For 393 years Cortina was part of the 'Habsburg Empire, living with values set on its coat of arms "Mode live ac suit quiesco", (I live sparingly and quiet).
       
Read the Full Story
Museum   They say: The first casualty of war is the truth .....
  This museum tells the story of the soldiers, not generals, or by historians. On the part of the vanquished and not by the victors.   The Museum of World War I opened September 27, 2002 opens its doors to the public on 12 August 2003, the exposed material is mostly owned by the family Lancedelli which also handles the management. And 'the fruit of 45 years of research  
Read the Full Story
3 Sassi Fortress "3 SASSI" FORTRESS  “IN TRA’ I SASS” The fort was built between 1897 and 1901 the Italian army to block access to a probable Val Badia. The fort was equipped with cannons M 98 8 cm and two cannons M 98 6 cm in caponiera armored steel, armored four machine guns toward the Sief - Col di Lana and Step Falzàrego and an observatory dome vault ro       Read the Full Story

Museo della Grande Guerra

Edelweiss Stellung

Шаблоны Joomla здесь.

Visita guidata al percorso;  "Museo Tre Sassi – Edelweiss Stellung"

 

Prima tappa: VISITA AL MUSEO DEL FORTE

 

E percorso inizia con la visita del forte e del museo sito al suo interno. Qui, il visitatore potrà vedere, armamenti equipaggiamenti, oggetti e vestiario originali, utilizzate dai soldati sul fronte dolomitico. Attraverso le spiegazioni di guide esperte, ogni oggetto avrà una sua storia o aneddoto, la visita assumerà così una forma attiva, catturando maggiormente l'attenzione del visitatore. All'interno del forte sarà inoltre possibile visionare filmati originali, e documentari.

 

Seconda tappa: VISITA DEL PERCORSO BOTANICO

 

Terminata la visita al museo, il visitatore sempre accompagnato da una guida, potrà percorrere il sentiero botanico, che conduce alle baracche del villaggio austriaco " Edelweiss " Il sentiero che dal forte conduce al villaggio, permetterà di ammmirare, fiori e piante tipici delle dolomiti, e con un po' di fortuna vedere anche le simpatiche marmotte. La guida lungo il percorso, potrà dare qualche nozione di tipo naturalistico e geologico, nonché spiegare la toponomastica della zona. Data la bellezza del luogo, con giornate di sole i panorami non mancheranno.

 

Terza tappa: VISITA ALLE BARACCHE DEL VILLAGGIO " EDELWEISS"

 

Qui il visitatore può, visitare un complesso di sei baracche, interamente ripristinate e allestite come all'epoca, vedere la baracca adibita a cucina, il comando, l'infermeria, e i dormitori. Il sentiero continua attraverso i camminamenti che conducono alla trincea di prima linea, con le postazioni per i fucilieri, e le mitragliatrici. In alcuni periodi dell'anno, (agosto) il villaggio viene  "abitato" da Revocatori , (volontari, non sempre presenti) che fanno rivivere il villaggio, inscenando situazioni di retrovia. Il fabbro e il calzolaio come il falegname saranno all'opera, nell'infermeria si può vedere, l'intera attrezzatura dell’ ufficiale medico, mentre le trincee sono presidiate da soldati interamente equipaggiati. Al visitatore sarà data la possibilità di indossare un elmetto, una mantellina e sentire la pesantezza di un fucile, o il peso di uno zaino. Qualche volta quando viene organizzato un evento,  si potrà gustare il rancio fatto come all'epoca, o assaggiare il liquore che i soldati bevevano prima di ogni assalto. Sicuramente anche il più profano, dopo un percorso del genere, avrà sicuramente acquisito, un minimo di nozioni, e se non altro provato un'esperienza viva e emozionante. Alla fine del percorso ci si potra dissetare alle sorgenti di acqua pura e limpida che sgorga dalle profondità delle rocce. Attorno alle sorgenti nel 1981 Loris Lancedelli trovò le prime selci Paleolitiche, con punte di freccia, raschiatoi, e lame, trasportate da cacciatori di 7000 anni fa che transitavano in zona. Già allora si abbeveravano a questa fonte. Oltre che cacciare gli orsi e camosci che si presentavano in zona. Le selci si possono ammirare al museo dove sono conservate. Al ritorno si può raggiungere il lago di Valparola, seguendo la Strada della Vena, dove nel passato da Colle di Santa Lucia alla Malga di Valparola venivano trasportati i minerali di ferro estratti dalle miniere del Fursil di Colle di Santa Lucia. Nelle malghe di Valparola il materiale grezzo veniva raffinato e creati lingotti di ferro, mandati al vescovo di Bressanone. Con una breve ulteriore passeggiata si raggiunge il rifugio di Valparola, dove si potrà gustare deliziosi manicaretti. Serviti dalla famoglia Trebo Elio, e la sempre gentile Carmen con figlia Raffaella.

 

лимузин на свадьбу.

Cart

 x 

Cart empty

Refuge Valparola

valparola

Go to website Rifugio Valparola

Latest News

Hit Counter

4691489
Oggi
Ieri
Questa settimana
Ultima settimana
Questo mese
Ultimo mese
Tutti i giorni
2097
2532
19357
3774446
39116
103916
4691489

Login Form